Strategy: The Gulf of Argentario and the Bay of Talamone

For those who are planning to sail in Talamone for the next Junior or Senior Worlds

By Alessandro Testa

Talamone is a small village located in the northern part of Costa d’Argento (Silver Coast) of Italy, at the northern end of the big Gulf of Argentario. The Gulf is enclosed by the Argentario promontory to the south and by the mountains of Uccellina to the north, where the Maremma Park is located. The gulf is about 6 miles long and about 2 miles wide. All around, a few miles away, many of the islands of the Tuscan Archipelago: Giannutri, Isola del Giglio, the Formiche di Grosseto, Pianosa, Elba Island.

The Mediterranean climate, low rainfall, the high sun exposure (the highest in Italy), the mountains and characteristics of the surrounding area make the Costa d’Argento and in particular the Bay of Talamone one of the most beautiful and interesting race areas in Italy.

For those who are planning to sail in Talamone for the next Junior or Senior Worlds

By Alessandro Testa

Talamone is a small village located in the northern part of Costa d’Argento (Silver Coast) of Italy, at the northern end of the big Gulf of Argentario. The Gulf is enclosed by the Argentario promontory to the south and by the mountains of Uccellina to the north, where the Maremma Park is located. The gulf is about 6 miles long and about 2 miles wide. All around, a few miles away, many of the islands of the Tuscan Archipelago: Giannutri, Isola del Giglio, the Formiche di Grosseto, Pianosa, Elba Island.

The Mediterranean climate, low rainfall, the high sun exposure (the highest in Italy), the mountains and characteristics of the surrounding area make the Costa d’Argento and in particular the Bay of Talamone one of the most beautiful and interesting race areas in Italy.

The wind patterns are beneficially affected both by the movement of air due to the passage of fronts along the Tyrrhenian Sea and by the vigorous and prolonged thermal breezes that occur from late April to late October. In particular the Bay of Talamone, for its particular conformation, makes the wind blow 5-8 knots higher than in other areas of the Gulf of Argentario and for more hours during the day. For this reason and for the presence of a large area of shallow water in the inner part of the bay, Talamone, besides being a great training area for sailing, has become one of the most renowned national spots for kitesurfing and windsurfing.

The Port of Talamone is located west of the Bay of Talamone and is protected by the mountains of Uccelina and the promontory where the old village is situated, from winds from the second, third and fourth quadrants (East-North). Winds from the first quadrant, due to the limited fetch and the area of shallow water that extends to the east, do not represent a threat to the natural shelter offered by the Port of Talamone.

To help you understand the conditions of the race area—the wind, the sea and currents of the Gulf of Argentario and the Bay of Talamone—we try to describe, with the help of the image below, the coast around Talamone.

To the north of Talamone, parallel to the coastline, the mountains of Ucellina stretch up to 400 meters high. On the slopes of these mountains, a great plain extends to the north, around the city of Grosseto, intensively cultivated arable land, which continues with the valley of Collecchio up almost to the Bay of Talamone.

To the east, except for the low hill of Talamonaccio, another wide cultivated plain, called San Donato, extends to the sea with a thick pinewood.

Golfo dellArgentarioTo the east-southeast there are the hills on the border with the territory of Capalbio ending with the promontory of the ancient Etruscan town of Ansedonia.

To the southeast, between these hills and the promontory of Monte Argentario, up to 600 meters high, there is an area with a low coast where the old Spanish town of Orbetello is located, built in the middle of a large lagoon separated from the sea by a tombolo (a thin strip of land) of Feniglia (a nature reserve) to the south and by tombolo della Giannella to the north.

To the south the wide and high promontory of Monte Argentario defends the Gulf of Argentario from strong winds from the south and southwest and heavy seas.

To the southwest, divided by a few miles from the Promontory of Argentario, there is the Island of Giglio that protects still further the Gulf of Argentario.

To the west and northwest the Gulf of Argentario is open to the sea, without protection, with only the distant but efficient shield of Corsica and of the Island of Elba.

In essence, the hills of Uccellina accelerate and funnel the powerful summer thermal breeze from northwest, triggered by a significant heating on the surrounding plains. Monte Argentario and Giglio Island protect the bay from storms coming from the south and southwest. When the south wind blows, more often in the cold months than in warm, the wind passes through the lagoon of Orbetello, while the waves from the Tyrrenian Sea are blocked by the tombolo della Feniglia.

The Bay of Talamone is where the race course for the dinghies is normally positioned.

During the cold months (8°C-16°C during the day) the prevailing winds come from the northeast (from light breeze to 30 knots and over), from the southeast (10-20 knots), from the southwest and west with sea breeze and good weather (4-10 knots) or gradient wind (25-40 knots). The breezes (northeast and southwest to west) are generated, for intensity and stability, by the gradients that occur during the cold months on land and sea.

During the warm months (18°C-30°C), from late April to October, the prevailing winds are from the southwest and west (4-15 knots), from the southeast (6-20 knots) and the northwest (5-25 knots). In particular, the latter wind produces in the second part of the day a beautiful and powerful wave that allows exciting upwind legs and full plane reaches.

Currents other than those of seasonal circulation Tyrrhenian (a few cm per second) are scarce and rare. They do happen after to the passage of storms, due the flow into the sea of rain from the Ombrone rivers in the north and Albegna in the southeast.

Baia di TalamoneDepending on wind conditions and sea states, the race committee may decide to place the race course in three different areas:

Area A – closest to the innermost part of the Bay and the Port of Talamone is characterized by great pressure, gusty conditions, huge shifts due to the proximity of the coast. It is the most spectacular race area.

Area B – further south than area A and farthest from the coast, it is different from area A because it has more steady wind for direction and intensity, less wind speed and more homogeneous wind across the race course, and no influence of the coast. The racing area is used when you want to sail on a neutral field without a favored side of the course.

Area C – northwest from areas A and B, it is characterized by lighter wind, instability and variability due to its proximity to the steep mountains of Uccellina, more chop, and different areas of pressure. Area C is used when area A is too windy, or if the race committee wants to relocate the race course after one or more races that have had a very favored side.

Porto di Talamone

Talamone è un piccolo paese situato nella parte settentrionale della Costa d’Argento: si trova all’ estremità Nord del grande Golfo dell’ Argentario che è delimitato a Sud dal promontorio dell’ Argentario e a Nord dai Monti dell’ Uccellina su cui si estende il Parco Naturale della Maremma. Il golfo misura circa 6 miglia di larghezza e circa 2 miglia di profondità. Tutto intorno, a poche miglia di distanza, molte delle isole dell’ Arcipelago Toscano: Giannutri, l’Isola del Giglio, le Formiche di Grosseto, Pianosa, l’Isola d’Elba.

Il clima mediterraneo, lo scarso regime delle precipitazioni, il soleggiamento (eliofania) ai massimi valori annuali nazionali, la conformazione e le caratteristiche del territorio circostante fanno della Costa d’Argento ed in particolare della Baia di Talamone uno dei campi di regata più belli ed interessanti d’Italia. Il regime dei venti risente beneficamente sia della circolazione d’aria dovuta al passaggio di fronti e perturbazioni lungo il Mar Tirreno sia del sostanzioso e prolungato regime di brezze presenti dalla fine di Aprile ad Ottobre inoltrato. In particolare la Baia di Talamone, per la sua particolare conformazione, consente accelerazioni del vento anche di 5-8 nodi rispetto alle altre zone del Golfo dell’ Argentario ed un maggior numero di ore di vento durante la giornata. Per questo e per la presenza di un ampia zona di bassi fondali nella parte più interna della baia, Talamone, oltre ad essere un fantastico campo per allenamento, è divenuto uno dei più rinomati spot nazionali per la pratica del kitesurf e del windsurf.

Il porto di Talamone si trova a Ovest della Baia di Talamone ed è protetto, dai Monti dell’ Uccelina e dal promontorio ove si erge il paese vecchio, dai venti del secondo, terzo e quarto quadrante (da Est a Nord). I venti del primo quadrante, dato il ridotto fetch a disposizione e la zona di bassi fondali che si estende verso Est, non rappresentano in ogni caso una minaccia per il ridosso naturale offerto dal porto di Talamone.

Per capire le condizioni del campo di regata, il vento, il mare e le correnti del Golfo dell’ Argentario e della Baia di Talamone proviamo a descrivere, con l’aiuto dell’ immagine che segue, la conformazione del territorio intorno a Talamone.

A Nord di Talamone, parallelamente alla linea di costa si estende il sistema orografico dei Monti dell’ Uccellina, alti fino a 400 mt. Alle pendici di questi monti, verso Nord, si sviluppa la grande piana intorno alla città di Grosseto, intensamente coltivata a seminativo, che continua con la valle di Collecchio fino quasi alla Baia di Talamone.

A Est, a parte la bassa collina di Talamonaccio, si estende un’ altra ampia pianura coltivata, quella di San Donato, che arriva fino al mare con una folta pineta.

A Est-Sud Est si trovano i colli a confine con il territorio di Capalbio che terminano con il promontorio dell’ antica città etrusca di Ansedonia.

A Sud Est, tra questi colli ed il promontorio del Monte Argentario, alto fino a 600 mt, c’è una zona di costa bassa in cui si trova l’ antica città spagnola di Orbetello costruita al centro dell’ ampia laguna divisa dal mare dai tomboli della Feniglia (riserva naturalistica) a Sud e della Giannella a Nord.

A Sud l’ ampio ed alto promontorio del Monte Argentario difende il golfo dell’ Argentario da possibili forti venti da Sud e Sud Ovest e dalle mareggiate.

A Sud Ovest, diviso da poche miglia dal promontorio dell’ Argentario, si trova l’ Isola del Giglio che protegge ulteriormente il golfo dell’ Argentario.

A Ovest e Nord Ovest il Golfo dell’ Argentario è aperto al mare, senza protezione, soltanto con il lontano ma efficiente scudo della Corsica e dell’ Isola d’Elba.

In sostanza i Colli dell’ Uccellina accelerano e canalizzano la potente termica estiva di Nord Ovest innescata dal notevole riscaldamento delle pianure circostanti mentre il sistema Monte Argentario-Isola del Giglio protegge il golfo dalle mareggiate provenienti dal secondo e terzo quadrante. Quando spira lo scirocco, abbastanza spesso sia nei mesi freddi che in quelli caldi, il vento arriva nel golfo attraversando la laguna di Orbetello mentre il moto ondoso è bloccato dal tombolo della Feniglia.

La Baia di Talamone è il luogo dove viene normalmente collocato il campo di regata per le derive.

Durante i mesi freddi (8°-16° di giorno) i venti dominanti provengono da Nord Est (da brezza leggera a 30 nodi ed oltre), da Sud Est (da 10 a 20 nodi), da Sud Ovest e Ovest in regime di brezza di mare di bel tempo (4-10 nodi) o di mareggiata (25-40 nodi). Le brezze (Nord Est e Sud Ovest – Ovest) dipendono, in intensità e persistenza, dai gradienti di temperatura che si verificano nei vari periodi freddi tra la terra ed il mare.

Durante i mesi caldi (18°-30°), da fine Aprile a Ottobre, i venti dominanti sono da Sud Ovest e Ovest (da 4 a 15 nodi), da Sud Est (da 6 a 20 nodi) e da Nord Ovest (da 5 a 25 nodi). In particolare quest’ultimo vento produce nella seconda parte della giornata una bella onda potente e lunga che consente boline entusiasmanti e laschi in planata continua.

Per quanto riguarda le correnti, oltre a quelle stagionali di circolazione tirrenica (qualche cm al secondo), si verificano scarse e rare correnti dovute al passaggio di mareggiate mentre sono di una certa entità le correnti dovute allo scarico in mare in caso di precipitazioni atmosferiche dei fiumi Ombrone a Nord e Albegna a Sud Est oltre che dei tre canali della area della bonifica.

A seconda delle condizioni del vento e del mare il Comitato di Regata, anche per rendere più interessanti e tecniche le varie prove, potrà decidere di collocare il campo di regata in tre differenti aree:

Area A – più prossima alla parte più interna della Baia di Talamone e al porto è caratterizzata da maggiore pressione, andamento più rafficato, buoni e scarsi più evidenti per l’ influsso dovuta alla vicinanza della costa. E’ il campo di regata più spettacolare

Area B – più a Sud rispetto alla Area A e più lontana dalla costa si differenzia dall’ area A per venti più stabili in direzione ed intensità, meno pressione del vento ed andamento più omogeneo e lineare nelle varie zone del campo, nessuna influenza della costa. Questo area di regata viene utilizzata quando si vuole regatare su un campo neutro senza bordi obbligati.

Area C – a Nord Ovest rispetto alle aree A e B è caratterizzata da minore pressione di vento, instabilità e variabilità per la vicinanza dei ripidi Monti dell’ Uccellina, maggiore onda, buchi di vento e refole. L’area C di regata viene utilizzata nel caso in cui nell’ area A c’è troppo vento oppure per ricollocare il campo di regata dopo una o più prove in cui si verificano bordi obbligati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *