SIPAR International – Final

Mošćenička Draga, May 10-12, 2013. Enrico Michel and Stefano Longhi won with three bullets the regatta in Croatia.

Full results and regatta reports by Stefano Longhi

Moscenicka Draga is a beatiful Istrian village by the sea.

Mošćenička Draga, May 10-12, 2013. Enrico Michel and Stefano Longhi won with three bullets the regatta in Croatia.

Full results and regatta reports by Stefano Longhi

Moscenicka Draga is a beatiful Istrian village by the sea.

 

12 boats on the starting line, 4 of which of italian teams: Irredento-Senni, Levantini-Giannolla, Sciancalepore-DeReya e Michel-Longhi.

The first two days, unfortunately, were rainy and the wind didn’t come in, therefore the three races were held on Sunday only with a light “borino” wind of 10-14 knots. Michel-Longhi on their new DB-R1, placed three first places and won the Regata, followed by Irredento-Senni, second, and Sciancalepore-DeReya, third.

Special thanks to Igor Staraj, the main organiser of the regatta, and Damir Vranic, the croatian secretary, for the excellent organization and to all the croatian snipe sailors for the enthiusiasm showed during the races.

Results

Moscenicka Draga – Draga di Moschiena è una bellissima località balneare sulla costa istriana.

Il paesino, arroccato sul mare, si trova a 30 km da Fiume – Rijeka poco dopo la nota località turistica di Abbazia – Opatija, di fronte all’isolae di Cres – Cherso, ed è una vera chicca da visitare. Il luogo è veramente tranquillo perché non vi è circolazione di auto e sul lungomare ci sono solamente alcuni alberghi, le case da affittare per le vacanze e vari ristorantini e baretti.

Siamo arrivati venerdì mattina e dopo la solita calorosa accoglienza da parte degli snipisti locali abbiamo fatto l’iscrizione al … bar. Da Trieste erano presenti Irredento-Senni, Levantini-Giannolla, Sciancalepore-DeReya e Michel-Longhi. Assenti purtroppo Fabio Rochelli e Daniela Semec per un problema muscolare occorso a Daniela in giorno precedente la partenza.

Il tempo non era bruttissimo però le nuvole impedivano che il vento entrasse e quindi all’ora di pranzo, in accordo con gli organizzatori, abbiamo deciso di andare a mangiare una bella grigliata di carne annaffiata da un numero imprecisato di birre. Visto che il tempo peggiorava qualcuno è andato a fare una penichella, qualcuno a leggere e qualcuno a vedere se sarebbe entrato vento.
Alle 18.00 la regata è stata annullata e abbiamo organizzato la cena. Consigliati dai locali siamo andati in un ristorante noto per essere tra i migliori della zona dove abbiamo mangiato pesce veramente fresco, scampi con bruscandoli, insalata di polipo, scampi crudi (si muovevano nel piatto) ed altre prelibatezze spendendo una cifra assolutamente ragionevole per la qualità che ci è stata data.

Il sabato purtroppo abbiamo atteso tutta la giornata che la pioggia terminasse ma non c’è stato nulla da fare perché l’acqua scendeva veramente a secchi e il vento non entrava. Alle 17.00 siamo scesi in acqua per provare a fare almeno una prova ma poco dopo la partenza il vento è morto del tutto e la regata è stata annullata. La serata però è stata allietata dalla cena a base di carne e Malvasia offerta dagli organizzatori.

Domenica ci siamo svegliati con il tempo in miglioramento e alle 11.00 siamo usciti con un bel borino di 10-14 nodi. Siamo riusciti a disputare tre prove molto combattute nelle quali Enrico, con a prua il sottoscritto, ha portato a casa tre bei primi, seguito da Sergio Irredento e Marina Senni al secondo posto e Felice Sciancalepore e Luca DeReya al terzo.

La premiazione si è svolta in un ristorante dove ci sono stati offerti sardoni fritti a volontà e un ottimo Malvasia istriano. I premi sono stati delle bellissime sculture il legno di cipresso realizzate da un artista locale. Ai vincitori è stato regalato un quadro raffigurante una vecchia e storica barca da pesca del luogo.

Vogliamo evidenziare che l’accoglienza che ci viene riservata ogni anno dagli amici croati è veramente incredibile. Non ci è stata fatta pagare nessuna tassa di iscrizione e ci sono state offerte una cena e il pranzo della premiazione.

A mio modo di vedere in questa località si potrebbe disputare il Campionato Sud Europeo del prossimo anno vista la bellezza del luogo sia a terra sia in mare dove, se il tempo è buono, il vento è praticamente garantito. In maniera simile al lago di Garda verso l’ora di pranzo entra dal mare una bella termica di 10-15 nodi che permette di posizionare il campo di regata a metà strada tra la terra ferma e Cherso. A terra invece le famiglie possono trascorrere la giornata in spiaggia tra ristorantini, sdraio e baretti. Veramente un posto fantastico e rilassante per tutti.

In questa località sono stati disputati un campionato europeo 470 e un campionato europeo 420 quindi mi sento tranquillamente di candidare Draga di Moschiena per il sudeuropeo 2014.

Desidero infine ringraziare Igor Staraj, l’organizzatore principale di questa regata per l’accoglienza e la disponibilità nei nostri confronti, Damir Vranic, il segretario nazionale croato con il quale manteniamo sempre i contatti per l’organizzazione delle regate e tutti gli snipisti croati per l’allegria con la quale partecipano alle regate.

Al prossimo anno, spero numerosi, perché la gita ne vale veramente la pena!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *